Via Cancellieri 30 51100 Pistoia
Telefono 338 4840935
email: vigilanza.pistoia@wwfpistoiaprato.it
Per particolari urgenze nelle zone di
Quarrata, Casalguidi, Montale e Agliana
potrete contattare: 347 8006194
Per i comuni montani della provincia
di Pistoia contattare: 339 4025776
Per l’area pratese: 320 3613851

Per i comuni della Valdinievole contattare:
338 4174934

Si raccomanda comunque
di comunicare sempre la notizia
al fax o alla email sopra indicati.

  Padule di Fuchecchio



SULLE ALTERNATIVE AI PESTICIDI IL WWF PISTOIA PRATO E’ SEMPRE STATO PROPOSITIVO.

Apprendo dai giornali che il Dott. Mati, presidente del Distretto Vivaistico pistoiese, chiama in causa le associazioni ambientaliste, dichiarando che sarebbero poco “propositive” sul fronte della riduzione dei pesticidi.

 

Vorrei confortarlo dicendo che, pur senza il favore di telecamere e giornali, la nostra associazione, esattamente tre anni e mezzo fa, con il tramite di un gruppo di minoranza del Consiglio Regionale, presentò una sua proposta di legge di modifica all’attuale norma regionale in materia di utilizzo di fitofarmaci e diserbanti  nell’aree agricole ed extra agricole

 

Tale proposta, che resta ben chiusa nei cassetti della Regione, prevede, senza estremismi e con molto spirito propositivo, tutta una serie di cose: corretto utilizzo di diserbanti, geodisinfestanti, disseccanti ed erbicidi in genere, prescrizioni sanitarie, obbligo di tempestiva comunicazione all’ASL, corretto utilizzo del registro dei trattamenti, distanze minime da rispettare nei giorni di diserbo rispetto alle case, alle riserve naturali,  alle strade , ai laghi, ai pozzi di acqua e di salvaguardia in generale, poste in prossimità delle zone di trattamento, delimitazione fisica delle aree di trattamento, con tanto di previsione di multe e sanzioni e diverse altre cose.

Al di là delle alternative, quel che spesso manca è la disciplina e le regole del corretto utilizzo di presidi sanitari in agricoltura.

A livello nazionale, il WWF Italia sta invece lavorando, con tutta una serie di altri soggetti, alle osservazioni al PAN, Piano di Azione Nazionale dei Pesticidi di cui ne cito una su tutte, ovvero l’importanza che il PAN richiami quanto indicato letteralmente negli art. 1 ed art. 4 comma 1 della Direttiva 2009/128/CE dove viene posta particolare attenzione alla promozione di approcci o tecniche alternative, quali le alternative non chimiche ai pesticidi, al fine di ridurre la dipendenza dall’utilizzo dei pesticidi medesimi. Questi obiettivi strategici generali dei Piani di Azione come definiti dalla Direttiva 2009/128/CE sono infatti trascurati o non adeguatamente posti in evidenza nel testo proposto per il PAN.

 

Come potrà quindi verificare il Dott. Mati, il WWF sta lavorando con proposte, sia a livello locale che nazionale, nell’ottica di una effettiva riduzione dell’uso dei pesticidi in agricoltura, problema che si sta sempre più aggravando e che viene percepito come reale da un sempre maggior numero di persone.

 

La domanda che però pongo io al Dott. Mati è diciamo opposta: cosa ha prodotto il famoso “Tavolo di concertazione” tra decine di soggetti (locali e regionali), che è stato istituito, se non erro, più di un anno e mezzo fa? Ci sono delle proposte serie, effettive, condivise, oppure si è parlato dei massimi sistemi? E come si pongono le associazioni di categoria, di cui è rappresentante, rispetto alle nostre proposte?

 

 

Marco Beneforti

Presidente del Comitato per il WWF di                                                                                               Pistoia e Prato

 

 

 

Pistoia, 23/10/2019