Prosegue l’attività del Nucleo Guardie Giurate WWF di Pistoia, esposto alla Procura della Repubblica


Prosegue l’attività del Nucleo Guardie Giurate WWF  di Pistoia, rivolta in particolare alla tutela del territorio e degli animali d’affezione. Nei mesi di settembre ed ottobre grande attenzione è stata rivolta alle comunicazioni effettuate da cittadini che segnalavano disagi per irrorazioni di fitofarmaci e diserbanti nei vivai. Durante uno di questi sopralluoghi – attesa la problematicità della situazione – è stato inviato l’esposto sottostante anche alla locale Procura della Repubblica.

Della questione è stata informata anche l’Amministrazione Comunale di Pistoia affinché il Sindaco – in qualità di massima autorità sanitaria a livello locale – metta in atto quei meccanismi volti a tutelare in modo paritario  il diritto alla salute di tutti i suoi concittadini.

AL SIG.

PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

P I S T O I A

Il Nucleo Guardie Giurate WWF Pistoia ha effettuato, in data 20 ottobre c.a., un sopralluogo in Via Carota e Molina (Pistoia), a seguito di richiesta telefonica di  residenti,  motivata da un forte stato di disagio sofferto dai medesimi per trattamenti fitosanitari effettuati nei vivai della zona da un’azienda del settore.

Il tratto della strada in discorso (ingresso da Tangenziale Est – Via Castel de’ Guidi) è quello in direzione Est,  dai numeri civici 17 a 39  e da  6 a 18 e che presenta sul lato destro coltivazioni in vaso.

In particolare, l’impianto realizzato dalla Ditta Palandri si estende fino al bordo della strada, in quel tratto molto stretta (circa 3 mt); gli ingressi delle abitazioni poste sul lato sinistro, quindi, sono distanti dai terreni coltivati,  mediamente, non più di 5 mt.

Giunti sul luogo è stato accertato che nell’aria persisteva un odore penetrante ed il trattamento era ancora  in corso; in quel momento l’operatore – munito di maschera e “tuta a scafandro” – si trovava all’interno del vivaio a distanza di circa 10 metri dalla via in discorso.

I residenti, da noi interpellati, riferivano che il trattamento – effettuato fino al bordo strada – era iniziato il giorno 19 ottobre ed che durante l’irrorazione precedente (fine agosto c.a.) erano stati perfino costretti a barricarsi in casa poiché l’aria era diventata irrespirabile e in atmosfera stagnava una puzza nauseante.

Tutto ciò premesso si segnala quanto sopra alla S.V. affinché voglia verificare se:

  • per gli impianti di “vasetteria” realizzati dalla Ditta Palandri e dalla confinante Ditta Tesi siano state chieste le previste autorizzazioni e rispettate le N.T.A. del Comune di Pistoia relative alle zone a prevalente funzione agricola;
  • nel trattamento in discorso sia stata rispettata la norma che prevede per i cittadini  un uguale diritto alla salute, atteso che gli addetti alle irrorazioni di prodotti chimici nei vivai, nel momento in cui prestano la loro opera sono muniti di “tute a scafandro”, segno evidente che le sostanze immesse nell’ambiente non sono affatto salubri, mentre residenti ed animali, a 5 mt di distanza dall’irrorante, non sono muniti di detta attrezzatura;
  • si possa ravvisare una immissione di sostanze nocive in atmosfera atteso il penetrante odore e l’effetto “deriva”, dei prodotti in parola, nella strada e nelle abitazioni adiacenti.

A disposizione per eventuali ulteriori precisazioni in merito, si porgono distinti saluti.

Pistoia,  22 ottobre  2012

IL COORDINATORE DI NUCLEO

Guardie Giurate WWF Pistoia