Via Cancellieri 30 51100 Pistoia
Telefono 338 4840935
email: vigilanza.pistoia@wwfpistoiaprato.it
Per particolari urgenze nelle zone di
Quarrata, Casalguidi, Montale e Agliana
potrete contattare: 347 8006194
Per i comuni montani della provincia
di Pistoia contattare: 339 4025776
Per l’area pratese: 320 3613851

Per i comuni della Valdinievole contattare:
338 4174934

Si raccomanda comunque
di comunicare sempre la notizia
al fax o alla email sopra indicati.

  Padule di Fuchecchio



A Pistoia raccolta differenziata bassa e TARI alta. Invertire la tendenza si può.

Sono di questi giorni le proteste dei cittadini per i sensibili aumenti ricevuti con la bolletta della TARI, la cui prima rata è scaduta ieri.

Contestualmente, i livelli di raccolta differenziata della nostra città, certificati ARRR, sono ancora a livelli che dire bassi significa usare un eufemismo, visto che non superiamo il 40% (quando, per legge, avremmo dovuto essere al 65% già nel 2012!!!!)

Ci sono città toscane, grandi due volte Pistoia, come Livorno e Prato, che hanno raggiunto percentuali doppie di raccolta differenziata, adottando – nella maggioranza delle zone – il sistema del porta a porta.

La città labronica è arrivata, per esempio, al 65,90% e già l’amministrazione annuncia riduzioni sulla TARI, che comunque non ha subito aumenti come a Pistoia.

Raccogliere in maniera differenziata i rifiuti e farlo bene con il sistema del porta a porta, significa produrre, già nel medio periodo, meno scarti da smaltire in discarica o all’inceneritore.

Grazie a questo calo, i cittadini delle città virtuose hanno avuto o stanno per avere una riduzione importante della tassa sui rifiuti.

Ed è esattamente questo il sistema che proponiamo al Comune di Pistoia, finora inascoltati come in passato, ovvero anziché spendere risorse nei cassonetti interrati per tutta la città (costi dovuti all’installazione ed alla manutenzione), si adotti fin da subito e per tutta la città il metodo del porta a porta e si facciano anche convenzioni con i centri commerciali (supermercati) che puntino alla riduzione degli imballaggi ed al conferimento degli stessi nella filiera del riciclo.

A livello di A.T.O, si dovrebbe poi pensare ad un sistema impiantistico “dolce” ed adeguato, ovvero impianti di compostaggio e di riciclo, alla base di un sistema virtuoso di gestione dei rifiuti, come avviene ormai in tante parti in Italia, non solo in Toscana, ma anche e soprattutto al Nord, con esempi all’avanguardia come quello del Consorzio Priula che serve quasi 300.000 abitanti nel trevigiano e che ha raggiunto percentuali di raccolta differenziata oltre l’80%.

Abbassare la TARI ed aumentare la raccolta differenziata dei rifiuti si può, basta che vi sia una scelta politica convinta ed efficace, ovvero tutto l’opposto di quello che si è fatto finora.

 

 

Pistoia, 17/05/2019

 

 

                                                                       Comitato per il WWF di Pistoia e Prato

                                                                       Associazione Acqua Bene Comune di Pistoia

Associazione Alleanza Beni Comuni di Pistoia

                                                                       Comitato La Sala – Pistoia

Cobas Pistoia       

                                                                        Cub Pistoia

                                                                        Obiettivo Periferia – Pistoia